Trovo strano che il mio ordine…

Trovo strano che il mio ordine, per il quale in questi giorni sono iniziate le operazioni per l’elezione del nuovo Consiglio per il quadriennio 2017-2021, non abbia ritenuto opportuno organizzare una riunione di presentazione dei candidati in lizza.

Ci sono 16 candidati per i 10 posti della sezione A e 2 candidati per il posto per della sezione B. 8 dei 16 candidati erano già consiglieri nella precedente consiliatura, 8 sono assolutamente nuovi e sconosciuti ai più. Non sarebbe stato male capire cosa ha spinto loro a candidarsi, cosa pensano di portare al nuovo consiglio. Alcuni dei vecchi consiglieri, secondo me, si possono cambiare, visto l’apporto nullo che hanno dato negli ultimi quattro anni (o comunque questo è quello che si è percepito dall’esterno), ma cambiarli con altri che desiderano solo occupare un posto esclusivamente per fini personali forse anche no.

Trovo anche sia almeno fuori luogo che due degli otto “vecchi” abbiano nuovamente presentato la loro candidatura. Hanno infatti già fatto 2 consiliature e quindi, a rigor dei legge, non potrebbero neppure essere eletti. Infatti il sistema elettorale è regolato dal DPR 169/2005, che all’art. 2 comma 4 dice

I consiglieri restano in carica quattro anni a partire dalla data della proclamazione dei risultati e, a far data dall’entrata in vigore del presente regolamento, non possono essere eletti per più di due volte consecutive.

È vero che nel 2010 l’art. 2 comma 4-septies del D.L. 29/12/2010, n. 225 ha aggiunto questa frase

Le disposizioni di cui all’articolo 2, comma 4, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 luglio 2005, n. 169, si applicano per i componenti degli organi in carica alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, con il limite massimo di durata corrispondente a tre mandati consecutivi

e molti l’hanno interpretata come l’estensione al terzo mandato per tutti, ma a me pare che la possibilità del terzo mandato sia stata data solo a quelli che erano in carica nel 2010, anno di entrata in vigore della legge di conversione, e non a tutti, altrimenti la formulazione della legge sarebbe stata diversa ed avrebbe fatto riferimento direttamente alla modifica dell’art. 4 del DPR 169/2005, che invece resta in vigore senza modifiche.

Per non sbagliare non voterò nessuno dei due che hanno fatto già due giri.

Annunci