Forse è presto per gridare al disastro, ma…

Nel 2011, quando cominciò il percorso del PeopleMover di Pisa, scrissi un articolo piuttosto critico nei confronti di quello che mi pareva un controsenso. Quella mia critica si basava su una ricerca che avevo fatto insieme agli studenti del corso IFTS nel quale operavo come docente. L’impressione era che il mega parcheggio che si stava realizzando non sarebbe stato utilizzato così come tutti i parcheggi scambiatori che in epoche più o meno remote sono stati fatti in questa città, se contemporaneamente non si fosse fatta una politica di disincentivo all’uso dell’auto.

Ieri c’è stato un urlato articolo sul giornale locale dove, a distanza di 11 giorni dall’inaugurazione, si metteva in evidenza il deserto presente nei nuovi mega parcheggi. C’era aspettarselo.

Però devo dire che qualche giorno fa, martedì, io ho usato quel parcheggio e l’ho trovato molto comodo. Cosa me lo ha fatto trovare comodo? Il fatto che dovessi andare a prendere il treno per andare a Firenze. Dal momento che il percorso da casa mia (8 km dalla stazione ferroviaria) non sia servito dai mezzi pubblici mi costringe ogni volta a prendere l’auto, che poi dovrei mettere in un parcheggio a pagamento prezzi non proprio popolari. O si rimane a distanza di 1 km dalla stazione, e lì effettivamente si paga meno di un euro all’ora, oppure se ci si avvicina un po’ se ne spendono come minimo 2,20 €/h. Se stai fuori tutto il giorno, dalle 8 alle 18, per dire, ti escono di tasca dai 6 ai 12 euro: un salasso, lo dovessi fare frequentemente. Invece con il nuovo parcheggio legato al PeopleMover si spendono 2,50 € per parcheggio e biglietto di andata e ritorno dal parcheggio alla stazione a condizione che la permanenza nel parcheggio sia inferiore a 18 ore. Ottimo! Se la macchinetta per pagare funzionasse anche con bancomat e/o carta di credito come in tutti i parcheggi seri, sarebbe anche meglio.

C’è un piccolo problema che vorrei fosse risolto. Il primo è che il servizio della navetta parte dalle 6 di mattina. Sabato scorso avrei voluto fare la stessa cosa di martedì, ma il mio treno per Firenze partiva alle 5:39 quindi niente navetta a disposizione. La cosa che mi dispiace è che avrebbero potuto pensare alla possibilità che questo parcheggio possa essere utilizzato non solo dai passeggeri dell’aeroporto ma anche dagli abitanti di Pisa e dintorni che devono andare a prendere il treno, magari per andare a lavorare in un’altra città. Se quel breve tratto, di poco più di un chilometro, potesse essere percorso anche a piedi su un marciapiede che corresse accanto alla linea della navetta, io non avrei problemi a posteggiare lì (prima che il servizio navetta parta), arrivare alla stazione in tempo per prendere il treno senza la necessità di entrare in città e non spendere un patrimonio per posteggiare.

Annunci