L’insegnamento della chimica nella scuola italiana

http://db.tt/sxWARGae

L’Unità, pagina delle lettere, giovedì 15 marzo 2012

Può sembrare strano ma ci sono persone a cui la materia “chimica” piace. Io sono uno di quelli.
I risultati dei test di ammissione alle facoltà di medicina delle università fanno vedere come solo il 35% degli studenti diplomati nei licei italiani risponda correttamente alle domande di argomento chimico facendo della chimica la materia meno conosciuta. Si tratta di un problema che fa si che i giovani non scelgano la chimica come loro materia di studio universitario nonostante anche gli ultimi dati pubblicati da AlmaLaurea dimostrino che ad una anno dalla laurea in chimica l’85% dei laureati è occupato, valore tra i più alti tra tutte le discipline.
Credo che questo sia dovuto al fatto che nei licei la chimica è insegnata da docenti laureati in altre materie. Siccome questi sono soprannumerari per le loro materie di elezione allora sono state create le condizioni per far loro insegnare anche una materia scientifica per la quale evidentemente non hanno competenze adeguate.
Può uno Stato anteporre le giuste esigenze occupazionali di una categoria di docenti a quelle della categoria per la quale la scuola esiste, cioè gli studenti?

Annunci